MAPPE MENTALI

Durante le lezioni di storia l’aula si trasforma in laboratorio creativo. Dopo aver raccolto tutte le informazioni fornite dai docenti sotto forma di mappe concettuali riportate alla lavagna, si passa all’analisi del testo e alla “trasformazione” degli appunti prodotti attraverso le mappe mentali.

Tutti gli allievi illustrano, su fogli bianchi, i concetti da acquisire. Le mappe più belle ed efficaci vengono proiettate e condivise all’interno del gruppo classe.

Nello studio, le mappe non vanno a sostituire il testo né gli appunti del docente, ma costituiscono un tassello aggiuntivo, in quanto richiedono un coinvolgimento completo (emisfero destro ed emisfero sinistro) delle facoltà intellettive ed emotive dello studente.

Particolare importanza è stata dedicata alla memorizzazione dei contenuti appresi, attraverso questa tecnica che favorisce l’acquisizione di informazioni a lungo termine, grazie all’utilizzo di fantasia, creatività, immagini, colori ed associazioni di idee. Ogni mappa mentale segue un’impostazione radiale, come un neurone ed ogni concetto viene espresso attraverso immagini e disegni da collocare accanto alle parole-chiave. La storia e la fotografia vengono dunque raccontate attraverso le immagini e l’uso delle nuove tecnologie, favorendo la dimensione della didattica per competenze e sviluppando percorsi virtuosi di integrazione, specie per gli allievi con bisogni educativi speciali.

Servizi online

amministrazione_trasparente

albo

docenti

famiglia

PRIVACY

PON

CANALE YOUTUBE

luglio: 2018
L M M G V S D
« Giu    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

I cookie ci aiutano a migliorare il sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi