La nostra storia

“Oggi è già domani”  Albe Steiner

Quest’uomo, la cui storia familiare era stata a più riprese segnata dalla tragedia per il ripetuto accanirsi della ferocia fascista, aveva sempre davanti agli occhi la visione di strage che occupa tanta parte della nostra esperienza. Era questo il suo costante punto di riferimento, della sua idea del mondo, della sua tematica espressiva, della sua vita di militante. Era appunto questo fermo fronteggiare la tragedia che gli imponeva di tracciare una netta linea di demarcazione tra il proprio mondo di valori e l’esperienza di un male assoluto. Egli era sempre teso ad allontanare tutto il negativo al di là di quella linea perché al di qua l’ottimismo restasse l’elemento decisivo.

Italo Calvino, “Il segreto di Albe Steiner”, l’Unità, 3 settembre 1974

BIOGRAFIA  DI ALBE STEINER

Albe Steiner (Milano 1913-1974), vive un’infanzia e una giovinezza segnate dalla violenza nazifascista.

Ha undici anni quando viene assassinato lo zio, Giacomo Matteotti. Alla morte del padre, interrompe gli studi dopo il diploma di ragioneria per dedicarsi a una professione, quella di grafico, che in Italia era appena agli inizi.

Risale agli anni trenta, in un clima culturale chiuso e ostile agli sviluppi delle nuove esperienze artistiche europee, la sua conoscenza del costruttivismo sovietico (El Lisitzkij) e del Bauhaus, degli astrattisti italiani (Soldati, Licini, Radice, Fontana, Melotti, Veronesi) e dei più qualificati grafici italiani e stranieri (Munari, Nizzoli, Schavinsky, Huber).

Nel 1938 sposa Lica, che sarà la sua inseparabile compagna di vita e di lavoro. Con lei apre a Milano lo studio LAS (Lica Albe Steiner).

Accanto ai primi lavori nel settore del design, si collocano le sue ricerche fotografiche e pittoriche.
Collabora con lo “studio Boggeri” e partecipa alla prima mostra grafica alla VII triennale (1940). Si avvicina al partito comunista e, con la moglie Lica, l’amico Salvatore Di Benedetto e Elio Vittorini, svolge attività clandestina di informazione e propaganda.

Nei primi anni di guerra prosegue la sua affermata attività professionale, legandosi al mondo dell’avanguardia culturale antifascista milanese, sempre in contatto con le esperienze del movimento moderno (gli architetti Banfi, Belgiojoso, Peressutti, Rogers, Pagano, Giolli, Albini, De Carlo, i pittori e grafici Mucchi, Veronesi, Max Huber, Treccani, Birolli, Guttuso, Sassu ecc.).

Dopo l’8 settembre 1943, i fascisti uccidono il padre (ebreo bulgaro di origine spagnola) e altri familiari della moglie Lica riparati in Italia per sfuggire alla deportazione.
Albe Steiner partecipa alla Resistenza prima organizzando recuperi e trasporti di armi, poi nelle file del battaglione Valdossola.
Perde il fratello Mino, anch’egli militante della Resistenza, deportato a Mauthausen e al campo di lavoro di Ebensee , dove morirà nel marzo del ’45.

Dopo la Liberazione, cura l’impostazione grafica del “Politecnico” di Vittorini : “Parte integrante del discorso del ‘Politecnico’ era la grafica che, dovuta ad Albe Steiner, mirava a proporre in modo nuovo e originale il rapporto fra testi e immagine.
L’alternanza dei ‘rossi’ e dei ‘neri’, il richiamo a certe soluzioni delle avanguardie russe post-rivoluzionarie, l’uso di fotografie per raccontare delle storie, l’apertura ai fumetti, si basavano su una feconda intuizione delle possibilità di impiego offerte dai materiali figurativi. Vittorini assecondò la sensibilità di Steiner con il talento del giornalista che era in lui… Di fatto, la grafica del ‘Politecnico’ fece scuola, e non vi fu giornale progressista apparso sulla sua scia che non si misurasse con quella impostazione” (Notizia su ‘Il Politecnico’, scheda editoriale allegata alla ristampa, Einaudi, Torino 1975).

Realizza inoltre per Einaudi la collana “Politecnico biblioteca”, diretta da Vittorini, che pubblica fra il 1946 e il 1949 undici titoli, da Dieci giorni che sconvolsero il mondo di John Reed a Ragazzo negro di Richard Wright.

Si reca con la famiglia in Messico dove collabora (con Hannes Meyer , ex direttore del Bauhaus) alla campagna nazionale per la costruzione di scuole e al Taller de grafica popular, officina culturale creata da un gruppo di pittori (Leopoldo Mendez, Diego Rivera, Alfaro Siqueiros) per la creazione di opere grafiche ispirate alla vita politica e sociale del paese e destinate all’informazione e all’educazione del popolo ; è anche addetto culturale della nostra ambasciata.

Di nuovo a Milano nel 1948, riprende la libera professione affiancata dall’insegnamento alla Scuola Rinascita e dall’impegno politico-sociale. Quest’ultimo si è tradotto da una parte nella realizzazione di manifesti e opuscoli, nell’allestimento di mostre, stand e festival, nell’impostazione grafica di gran parte della stampa della sinistra italiana (l’Unità, Il Contemporaneo, Vie Nuove, Rinascita, Movimento operaio, Rivista storica del socialismo, Studi storici, Tempi moderni, Problemi del socialismo, L’Erba voglio, Mondo Operaio, Italia contemporanea) ; dall’altra nella promozione di incontri, dibattiti e strutture organizzative per un riconoscimento della grafica e del design sul piano tecnico, professionale e politico – sindacale.

E’ presente con ricerche e proposte progettuali della comunicazione visiva in tutti i più vivaci settori industriali, pubblicistici e d’informazione dell’Italia del dopoguerra, e anche per questa via ha avuto parte decisiva nell’aprire il nostro paese a una moderna “cultura visiva”.
In particolare, suo importante contributo a tali sviluppi sono le mostre a tema, formula inventata da Steiner per permettere la facile circolazione di idee politiche e culturali con una minima spesa .

Costante è la sua partecipazione alle iniziative dell’Aned, dalle mostre della deportazione alla realizzazione del museo-monumento per gli ex-deportati (Carpi,1964-73) .

Collabora con enti e istituzioni culturali come la Rai, il Piccolo Teatro, la Triennale di Milano, il Teatro popolare italiano, Italia ’61, la Biennale di Venezia . Impagina riviste tecniche e di settore, tra cui Edilizia moderna, Studi teatrali, Stile Industria, Domus, Cinema nuovo, Architettura, Interiors (USA).

Il suo maggior interesse è però rivolto all’editoria libraria, con una chiara visione del posto che doveva occupare il grafico nel processo di produzione del libro : un crocevia di operazioni e di esigenze diverse, tra gli autori, gli illustratori, i direttori editoriali e i redattori a monte, gli uffici di produzione, i tipografi, gli zincografi e i legatori a valle.

Con il compito di dare a tante voci una forma unitaria, ma anche di far sentire tra quelle la propria voce, convergente con le altre allo scopo comune, e insieme espressione di un contributo autonomo cui doveva essere riconosciuta la dignità, almeno, di un alto artigianato ( in Albe Steiner. Comunicazione visiva, Firenze, Alinari 1977).

Steiner muove da un’attenta analisi del rapporto fra contenuto, destinazione e forma legge tutti i libri che cura, fissa le norme da osservare nell’esecuzione pratica e usa le competenze tecniche e gli strumenti grafici di cui dispone, applicando i criteri a lui abituali della chiarezza e della semplicità, per raggiungere quell’equilibrio della composizione che facilita la lettura e quindi la comprensione del messaggio scritto.

Le innovazioni introdotte da Steiner non comportavano mai un maggior lavoro per redattori o tipografi, ma sempre qualche semplificazione o l’eliminazione di operazioni superflue. Mirando a una maggiore chiarezza del messaggio visivo otteneva nello stesso tempo una riduzione di costi e una pagina…che risultava più bella (D.Insolera, cit.).

Per Einaudi cura, oltre a ‘Politecnico biblioteca’, le collane ‘I gettoni’ -diretta da Vittorini- e ‘Collezione di teatro’ ; progetta e realizza singoli volumi o collane per La Nuova Italia, Editori Riuniti, Edizioni del Gallo, Sugar, Bompiani, Compagnia Edizioni Internazionali, Vangelista.
Le collaborazioni più importanti sono quelle prestate a Feltrinelli e Zanichelli. Consulente editoriale e art director presso Feltrinelli dal 1955 (anno della fondazione) al 1965, cura l’impostazione grafica delle varie collane compresa l’”Universale Economica”, giudicata per la novità dell’impaginazione della copertina, l’utilizzazione della fotografia alternata con la semplice scritta, la disposizione eterodossa dei titoli…una delle pietre miliari nella storia dell’editoria nostrana (G.Dorfles in Albe Steiner. Comunicazione visiva, cit.). Per Zanichelli, dal 1960 al 1974, rinnova le edizioni scolastiche, soprattutto i volumi a carattere scientifico , riconfermando anche per questa via la passione pedagogica e il profondo interesse sempre rivolto al mondo della scuola.

Fino al 1958 insegna infatti al Collegio Rinascita, dal 1959 alla morte è direttore e insegnante di progettazione grafica della scuola del libro della Società Umanitaria: in questo ruolo promuove nei primi anni settanta quel progetto di un istituto superiore statale per le comunicazioni visive, che si concretizzerà con la nascita dell’ITSOS, ospitato negli edifici dell’Umanitaria di via Pace. Inoltre tiene corsi presso le università di Venezia e Torino, e istituti superiori di Parma, Roma, Firenze e Urbino.

Muore improvvisamente presso Agrigento, il 17 agosto 1974.
Sulla sua tomba a Mergozzo un blocco di granito reca la scritta : “Albe Steiner partigiano”.

Servizi online

amministrazione_trasparente

albo

docenti

famiglia

Area riservata Docenti

albo

PON

albo

Statistiche sito

  • 12384Totale visitatori:
  • 1Utenti attualmente in linea:
agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Categorie

I cookie ci aiutano a migliorare il sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi